Le Conflict Cards

    Le Conflict Cards racchiudono, in un mazzo di 50 carte, parole e immagini associate a 4 categorie  per apprendere modi più competenti ed evoluti per stare nei conflitti.

    Per informazioni info@cppp.it 0523498594

    Condividi:

    Le Conflict Cards permettono di lavorare sul conflitto, un tema che spesso rimane sotterraneo perché temuto o evitato.

    Sono dedicate a formatori, coordinatori e dirigenti, pedagogisti, psicologi, mediatori, coach, counselor, responsabili delle risorse umane, sindacalisti, educatori, insegnanti.

    A cosa servono?

    A dedicare il giusto tempo per la manutenzione delle relazioni tra le persone di un gruppo.

    Le carte possono entrare in gioco, aiutando a riconoscere le situazioni conflittuali come occasioni che possono aiutare la crescita delle persone e lo sviluppo del gruppo.

    Le Conflict Card sono lo strumento maieutico che dà il via a numerose possibili attività di narrazione di sé, espressione delle proprie emozioni, ascolto degli altri e condivisione di  idee e esperienze.

    Questi momenti di interazione tra i membri del gruppo servono per raccontare i conflitti prima ancora di gestirli.

    Possono essere utilizzate da chi ha diversi ruoli professionali

    • nella relazione di aiuto per persone singole o coppie
    • nella conduzione di gruppi a partire dai 15 anni: gruppi di lavoro, di studio, di formazione, di supervisione, di aggregazione, di partecipazione sociale.

    Quando si usano?

    Le carte si usano nei contesti di formazione di gruppo in diversi momenti di lavoro:

    • nella fase di conoscenza tra i membri di un nuovo gruppo,
    • nella attivazione del gruppo sul tema generale del conflitto,
    • per esplicitare e comprendere un conflitto realmente vissuto dal gruppo.

    Inoltre sono utili per stimolare la narrazione di ciascuno rispetto al proprio modo di percepire le relazioni interpersonali, per raccontare i propri conflitti intrapersonali e per lavorare sulle diverse possibilità di gestione del conflitto.

    Cosa si può imparare “giocando” con le Conflict Cards?

    Le Conflict Cards mettono in luce i nodi problematici comuni nei gruppi di lavoro con parole e immagini che aiutano a esplicitare le conflittualità per imparare ad affrontarle al meglio.

    Le persone hanno idee molto diverse su cosa siano i conflitti e soprattutto modi diversi di reagire.

    Le carte aiutano a creare un contesto protetto in cui esplicitare queste differenze fino a trovare significati condivisi e un linguaggio comune.

    I conflitti non vanno evitati né risolti a ogni costo, ma possono essere utilizzati per imparare e per crescere

    Le carte sono accompagnate da un video corso formato da 4 macro aree:

    • presentazione
    • istruzioni per l’uso nei gruppi
    • esempi di attività da proporre
    • istruzioni per l’uso nei colloqui di counseling e nelle relazioni di aiuto

    Successivamente verranno aggiunte delle video testimonianze di professionisti che le utilizzano nel proprio lavoro in diversi contesti particolari. Se vuoi contribuire raccontando la tua esperienza sul campo scrivi a info@cppp.it

    La storia delle Conflict cards

    Nel 2010 è stata ideata la prima edizione delle Conflict Cards, poi rivista nel 2014.

    Questa edizione del 2024 è completamente rinnovata da Daniele Novara, Emanuela Cusimano con Elena Passerini e si avvale dell’esperienza maturata usando le carte nei contesti della formazione CPP e nella formazione e consulenza fatta in diversi contesti dai diplomati della nostra scuola di counseling.

    La nuova edizione 2024 diventa bilingue per mettere a disposizione di tutti uno strumento che racchiude il know how del CPP sul tema della trasformazione del conflitto in risorse e in apprendimento di modi più evoluti di stare insieme.

    Restiamo in contatto!

    Iscrivendoti alla Newsletter riceverai le novità e le iniziative del centro diretto da Daniele Novara.